Altro

    NOCTIS lancia SO Wild

    Il mio letto è un campo di fiori!

    Per letto un campo di fiori, esattamente un campo di fiori marchigiani. I fiori dei greppi dei pianori e delle rive, orizzontali, verticali, inclinati; i fioriche si donano alla Madonna nel mese di Maggio, quelli che si raccolgono come un voto d’amore, i fiori che diventano reliquie profumate tra le pagine dei libri più cari, quelli che onorano la tavola della festa.

    Sono i fiori delle erbe che si donano e si mangiano; i fiori selvatici che trattengono il piacere e la sanano come fossero un medicamento e poi l’incanto, il profumo e la forma. Una tassonomia di memorie arboree, archetipi di biodiversità, organismi ad alto contenuto simbolico estetico e organolettico. Piante dai fiori generosi e lucenti, con forme organiche primordiali, essenziali e seducenti; corpi vibranti che nella tradizione rimandano a rituali, credenze magiche, scaramanzie.

    Negli erbari sono trattenuti da piccoli nastri che resistono al tempo. La sequenza delle loro forme definisce pattern e decori, le scale cromatiche accendono accostamenti variopinti e fantasiosi, la varietà delle dimensioni e delle vicinanze è un paesaggio che si rinnova. Giallo, viola, rosa, lilla, bianco, azzurro, rosso, fucsia e un’infinita varietà di verdi sono la tavolozza di crespigni, papaveri, malva, pimpinella, acetosella, violetta, margherita, quadrifoglio, rosa canina, ginestrella, asparagi, tarassaco, sambuco, acacia, glicine, finocchio selvatico, lampascione, stridi… Decine di specie, forme, sfumature di colore, ma anche sapori, ricette, gusti, profumi, aromi, suoni – i suoni delle erbe e dei fiori. Un patrimonio infinito che incontra la tradizione e l’antropologia, la sapienza popolare e la scienza, la farmacopea, la spiritualità e le culture dei popoli. Una natura fresca che sa di buono e di pulito, un benessere che concilia, profuma e avvolge. E’ la natura che abbiamo dentro, quella delle corse a perdifiato nei campi in primavera, è il campo quando pensiamo al campo. Tra la veglia, il sonno e le lenzuola.

    Noctis – realtà consolidata con 30 anni di storia, passione e ricerca nel campo dei letti imbottiti 100% made in Italy – presenta SO Wild, una nuova versione dell’iconico modello SO, uno dei letti dell’azienda più venduti del decennio Un verde costante degli alberi, sempre diversi, sempre belli e utili. SO è un essere in rapida evoluzione, caldo, morbido, colorato, ben attrezzato, sorprendente, bizzarro; un posto dove dormire, sognare, chiacchierare, sgranocchiare chicche, leggere, guardare fuori e fare cuscini. È il letto fuori dal letto.

    “Nel decennio in cui è stato sul mercato, la SO è stata ricercata, ri-studiata, ripensata, migliorata. Abbiamo immaginato molte versioni – pop, sweet, once, casual, playboy, regular, gypsy, vivace – come Caterina e Mattia Priori, rispettivamente direttore creativo e direttore generale di Noctis. Ma per celebrare questo anniversario abbiamo voluto un’edizione speciale, un progetto curatoriale che portasse SO alle erbe e ai fiori, alla luce e al vento in cui è immersa la nostra azienda. al territorio che ci rappresenta e custodisce il mondo che guardiamo; il piccolo paese di Pergola, dove ha sede la nostra azienda, è un luogo di ispirazione dove la sensazione della natura permea ogni cosa, attraverso le pareti di vetro, attraverso le porte, dal tetto, da tutti gli accessi intorno a noi.”

    Così, nel decimo anniversario, SO diventa il giardino delle erbe e fiori delle Marche. Un campo composto, scelto e disegnato di essenza, colore, forma, profumo, memoria, risonanza, contrasto.

    “Ogni letto è personale, originale, dedicato. Per quanto unica sia la vita di ogni persona, così come lo è il progetto che ispira il sentimento e l’abitare di scegliere una casa, quella casa. Per questo progetto abbiamo scelto e fotografato Il paesaggio e l’essenza personale .Uno che offre la massima libertà espressiva e compositiva.” – spiega Caterina Priori.

    Grazie al configuratore 3D N-YOU, la nuova proposta offre la possibilità di personalizzare il rivestimento con dieci diverse texture di erbe e fiori, con le quali creare il proprio SO Wild, varianti di varie dimensioni e modelli. Le aree selezionate sono stampate digitalmente in HD su tessuto 100% cotone.

    Derivato dalle caratteristiche tecniche del modello SO Pop, SO Wild è completamente sfoderabile, essenziale nel design e contraddistinto da una testiera con doppi cuscini regolabili. Tra i due cuscinetti imbottiti è presente un semplice meccanismo che permette loro di muoversi, garantendo un comfort assoluto.

    «La Pergola è un territorio speciale – dice Mattia Priori. Contemporanea alla comunità creativa che la vive e la anima, aderendo alla sensibilità e al linguaggio del nostro tempo – arte, cultura, impresa – ma è antichissima, quasi superata, un segno lasciato consulenza poetica e visiva. Essere qui come comunità imprenditoriale e professionale significa accogliere l’unicità di questo luogo, incorporarlo e restituirlo per condividerlo. In un letto e non solo “

    Stefano
    Stefano
    Sono un fotografo, un videomaker e un Social Media Manager. Mi occupo di fotografia e social immobiliare e di arredamento.

    Articoli simili

    i più visti